14 Novembre 2023

La sicurezza dei pagamenti: come proteggere i tuoi dati finanziari

sicurezza

Grazie ai moderni sistemi di pagamento elettronico, trasferire denaro è ormai un’operazione sempre più comoda e veloce. Con l’ausilio di carte di debito, di credito, app per pagamenti digitali e dei moderni Pos mobile, gli utenti possono tranquillamente fare a meno del contante e acquistare in tutta praticità merci e servizi online o presso esercenti fisici.

Al di là del fattore legato alla comodità, a questi moderni sistemi di pagamento si deve soprattutto il merito di garantire agli utenti un maggiore grado di sicurezza, salvaguardando in modo concreto il loro denaro e i loro dati personali. Come sempre accade, tuttavia, quando una nuova tecnologia viene immessa sul mercato, scampato un pericolo se ne crea immediatamente un altro.

Internet, si sa, può essere infatti un luogo piuttosto pericoloso, specialmente per chi non ha buona dimestichezza con i device tecnologici. E proprio perché la digitalizzazione dei pagamenti vede la rete come perno fondamentale di qualsiasi transazione, occorre conoscere tutti i rischi e sapere come effettuare i propri pagamenti in sicurezza completa. 

Proteggere i dati finanziari: la sicurezza dei pagamenti

È assolutamente fondamentale, dunque, che al giorno d’oggi sicurezza e pagamenti vadano a braccetto. Questo significa, prima di tutto, che occorre essere coscienti dei rischi che si corrono durante le transazioni e, soprattutto, quando si decide di condividere i propri dati sensibili con soggetti terzi. In questo modo ogni utente è consapevole degli eventuali pericoli ed è maggiormente in grado di mettersi al riparo da essi.

Per garantire una piena sicurezza nelle transazioni online è, innanzitutto, necessario verificare che lo store o l’e-commerce sul quale si sceglie di acquistare sia affidabile e sicuro. Vale la pena, inoltre, assicurarsi che il negozio virtuale selezionato metta a disposizione opzioni di pagamento che consentano di tracciare il trasferimento una volta effettuato.

È buona norma tenere a mente questi semplici consigli quando ci si imbatte in marketplace privati o poco conosciuti. Generalmente è consigliato utilizzare credenziali differenti per ogni sito web sul quale si è in possesso di un account. Una password robusta e ricca di caratteri speciali sarà molto più difficile da decifrare e questo terrà alto il livello di sicurezza del conto personale. Mai condividere i propri dati personali con venditori estranei né rispondere ad eventuali comunicazioni sospette da parte del proprio istituto bancario o da parte delle poste.

Gli istituti bancari, inoltre, non chiedono mai il pin personale né qualunque altro codice d’accesso ai propri clienti. Nel caso in cui si dovesse ricevere un messaggio che derivi presumibilmente dalla propria banca, può essere una mossa azzeccata quella di accedere alla propria app personale o di contattare telefonicamente la banca per delucidazioni. Facendo riferimento, invece, ai pagamenti effettuati presso esercenti fisici può essere un valido accorgimento quello di evitare di portare con sé fogli o appunti in cui è possibile venire a conoscenza del proprio codice pin. 

Sfide nella protezione dei dati finanziari durante i pagamenti

In passato, il rischio principale che si poteva correre con il denaro era che questo potesse essere smarrito o sottratto da malintenzionati. Tale pericolosità era in particolar modo viva quando le buste paga dovevano essere prelevate fisicamente dai lavoratori in una banca o presso gli uffici postali del proprio centro cittadino.

Anche oggi, chiaramente esiste questo tipo di rischio, ma è stato abbondantemente ridimensionato grazie alla nascita dei sistemi di pagamento digitale. Quello che attualmente spaventa, infatti, è la vulnerabilità dei dati sensibili e delle informazioni personali che possono essere sottratti o manipolati da hacker e cybercriminali.

Questi possono operare in maniera subdola per far sì che sia lo stesso utente a fornire loro i propri dati personali. Una delle pratiche più utilizzate per il raggiungimento di questo scopo è il cosiddetto “phishing”. Attraverso una mail ingannevole, o mediante un sms recapitato su un telefono cellulare, un correntista può credere di essere stato contattato dal proprio istituto bancario e spinto, così, ad inserire i propri dati d’accesso all’interno di un form falso realizzato ad arte.

Facendo riferimento ai moderni pagamenti contactless, è bene effettuare questo tipo di transazioni con estrema cautela, dal momento che sarebbe possibile per un criminale informatico intercettare la connessione NFC al momento di un pagamento e ricevere denaro in maniera indebita. Si tratta di un rischio piuttosto remoto, dato che il raggio d’azione delle carte contactless è decisamente ridotto. Nonostante ciò, esistono dei precedenti ed è bene stare in guardia. 

Strategie per la sicurezza dei pagamenti e dei dati finanziari

Esistono, ormai, tantissimi strumenti e numerose strategie per mantenere in piena sicurezza il proprio denaro e i propri dati finanziari. La maggior parte degli istituti bancari, infatti, adotta sistemi di autenticazione a due o tre fattori. Grazie a questa procedura di sicurezza, l’utente ha la possibilità di confermare o annullare qualunque movimento che coinvolge il proprio conto corrente.

Se si sceglie di ordinare un bonifico o di trasferire i propri fondi, ad esempio, occorre necessariamente confermare l’operazione utilizzando il proprio dispositivo smartphone. Vale, dunque, la pena attivare questo tipo di autenticazione per svolgere le proprie attività finanziarie nella massima tranquillità.

Una buona abitudine da assumere è quella di monitorare con una certa frequenza i propri conti online, in modo da poter identificare qualsiasi attività sospetta e intervenire con una certa prontezza. Qualora sia necessario effettuare acquisti su una piattaforma che non convince troppo, utilizzare una carta virtuale può essere un’ottima soluzione. Questo tipo di carte, infatti, permettono di ordinare transazioni e pagamenti senza dover necessariamente fornire i propri dati finanziari.

I prodotti Nexi per pagamenti in sicurezza

Per i venditori, in particolare, Nexi mette a disposizione sul mercato il Pos mobile, il quale non prevede il pagamento di alcun canone né di commissioni legate a piccoli importi. Il catalogo dei prodotti include moltissimi dispositivi e app pensati esclusivamente per professionisti web, influencer e gestori di piccoli e-commerce online.

Con i moderni device sviluppati da Nexi è possibile accettare pagamenti elettronici predisposti attraverso qualsiasi tipologia di carta e di app per pagamenti mobile. Questi si rivelano particolarmente utili per tenere sotto controllo le entrate e le uscite sostenute periodicamente e per avere sempre a portata di mano fatture o documenti legati alle transazioni effettuate.

Serve aiuto?